Cibo gratis ai randagi, Caramanica (RA): “Brambilla chiarisca su eventuale tossicità”

Cibo gratis ai randagi

Apprendiamo che la Leidaa (Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente), presieduta da Michela Vittoria Brambilla, ha regalato pasti ai cani e gatti randagi d’Italia, in seguito a un accordo siglato con la catena di supermercati Lidl. Si tratterebbe di una iniziativa lodevole se non fosse che abbiamo numerose perplessità in merito alla qualità delle crocchette “Orlando Lidl”.

Sul tema alla Brambilla e alla Lidl chiediamo, in primis: anche queste ultime sarebbero state destinate a sfamare i randagi? È vero che alcuni sacchi di cibo secco per cani, “Orlando Lidl”, sarebbero stati richiamati negli Stati Uniti per i suoi elevati livelli di tossicità a causa di eccesso di vitamita D? E ancora: sono stati eseguiti controlli alimentari e chimici a campione sulle marche, oggetto dell’accordo tra la Leidaa e la Lidl?

Siamo di fronte a una questione molto delicata, che richiede immediata chiarezza: ci auguriamo che la Brambilla non rimanga silente.

Così, in una nota, il segretario nazionale di Rivoluzione Animalista, Gabriella Caramanica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*